en_USit_IT

Come superare l’influenza?

17 Gennaio 2019andrea.leoni
Il nemico numero 1 dell’inverno: l’influenza

Sofà, termometro e fazzoletti di carta ovunque.  Febbre alta, mal di testa, tosse e raffreddore… È l’ influenza! Chiamasi australiano, cinese o spagnolo che sia, questi sono i virus influenzali che ormai da svariati anni colpiscono con più sempre efficacia e che, nonostante i numerosi vaccini disponibili, costringono a letto più della metà della popolazione. Entro due o tre settimane in Italia si raggiungerà il picco massimo.

È rimasto ancora del tempo come possiamo prevenirla o curarla? Prevenire è semplice. Come viene illustrato dalla Fondazione Veronesi ecco i 10 comportamenti utili per ridurre il rischio di ammalarsi di influenza:

  • Fare attività fisica moderata perché lo sport riduce nell’immediato la risposta immunitaria ed espone a sbalzi di temperatura che aprono la strada alle malattie.
  • Mangiare leggero e bere molto per ripristinare liquidi e sali minerali.
  • Non stare a lungo con la testa bagnata, perché si raffreddano le vie aeree superiori.
  • Coprirsi bene, in particolare la testa.
  • Bere brodo di gallina per introdurre proteine che facilitano la ricostruzione delle cellule danneggiate dall’infezione.
  • Proteggersi in caso di starnuto, che è la via di trasmissione delle infezioni respiratorie.
  • Farsi coccolare perché aumentano le endorfine che riducono la sintomatologia e permettono il rilascio di chitochine che favoriscono la risposta immunitaria.
  • Fare una corretta automedicazione, senza esagerare per evitare effetti collaterali (per es. meglio le pillole che gli sciroppi perché si rischia di berne troppo).
  • Lavarsi spesso le mani.
  • Adottare i consigli della nonna (dal latte caldo col miele alla sera al riposo prolungato). di una sana alimentazione ricca di frutta e verdura e lavarsi le mani al rientro a casa dopo aver frequentato luoghi affollati.

E invece quando ormai lo abbiamo contratto il virus come curarsi? Occorre fare un passo indietro ma cosa dice il ministero della salute su cosa è l’influenza?

L’influenza è una malattia provocata da virus (virus influenzali) che infettano le vie aeree (naso, gola, polmoni). Spesso vengono impropriamente etichettate come “influenza” diverse affezioni delle prime vie respiratorie, sia di natura batterica che virale, che possono presentarsi con sintomi molto simili. Nello stesso periodo dell’anno in cui la circolazione dei virus influenzali è massima (in Italia solitamente in autunno-inverno) possono contemporaneamente circolare molti altri virus che provocano affezioni del tutto indistinguibili, dal punto di vista clinico, dall’influenza (Adenovirus, Rhinovirus, virus sinciziale respiratorio etc.).

Quali sono i sintomi dell’influenza?

“I sintomi dell’influenza includono tipicamente l’insorgenza improvvisa di febbre alta, tosse e dolori muscolari. Altri sintomi comuni includono mal di testa, brividi, perdita di appetito, affaticamento e mal di gola. Possono verificarsi anche nausea, vomito e diarrea, specialmente nei bambini. La maggior parte delle persone guarisce in una settimana o dieci giorni, ma alcuni soggetti (quelli di 65 anni e oltre, bambini piccoli e adulti e bambini con patologie croniche), sono a maggior rischio di complicanze più gravi o peggioramento della loro condizione di base”.

L’influenza si trasmette per via aerea, attraverso le goccioline di saliva e le secrezioni respiratorie, in differenti maniere diretta (tosse, starnuti, colloquio a distanza molto ravvicinata) e indiretta (dispersione delle goccioline e secrezioni su oggetti e superfici). È pertanto chiaramente più facile la trasmissione quando gli ambienti in cui persone infette e persone sane convivono a stretto contatto (ospizi, ospedali, uffici, scuole, …)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimani aggiornato
Iscriviti alla nostra NEWSLETTER

Accetta il consenso della privacy ai sensi del Regolamento UE 2016/619. Clicca qui per maggiori informazioni.

  Noi rispettiamo la tua privacy, se vuoi cancellarti clicca qui